Mentre in Italia ci tartassano in Islanda il governo paga il mutuo dei cittadini

Mentre in Italia il governo (dei banchieri) sta massacrando i cittadini a suon di tasse, in Islanda, dove i banchieri che volevano far pagare la loro crisi ai cittadini sono stati presi a calci nel sedere, lo stato sta aiutando i cittadini ad uscire dalla crisi pagandogli il mutuo! Una notizia, quella diffusa da Bloomberg che agli italiani colpiti dalla crisi, abituati ad essere vessati, sembrerà un sogno impossibile. Ma quando un governo decide di operare per il bene dei cittadini è possibile anche questo.

Il governo islandese ha deciso di investire il 13% del PIL nazionale (come se il governo italiano stanziasse circa 250 miliardi di euro) per cancellare i mutui ipotecari dei cittadini in difficoltà: un’operazione che riguarda un islandese su quattro!

Dopo la grave crisi causata dall’ingente debito estero contratto da politici e banchieri, i cittadini islandesi sarebbero stati condannati a decenni di pesantissima austerity se non si fossero ribellati, rifiutando di pagare; invece oggi il paese si sta riprendendo, e con questa misura ha salvato la casa di migliaia di famiglie, che sarebbero state altrimenti condannate a perderla, esattamente come avviene in Italia, dove il governo sta tassando i cittadini senza alcun ritegno, provocando un’ondata di suicidi senza precedenti. Il signor Pierferdinando Casini dichiara che “se Monti non avesse assunto questi provvedimenti i suicidi sarebbero stati di più” mentre Monti evidenzia come in Grecia (dove è stata applicata, in modo ancora più duro, la stessa “cura” imposta all’Italia) “il numero dei suicidi è molto più elevato” (come dire che se facevamo “quella fine li” sarebbe andata peggio di come sta andando. Ma nessuno dice agli italiani che altre strade sono possibili! Perché anche se l’Islanda è una piccola nazione, il “modello islandese” sarebbe stato possibile applicarlo ovunque: Grecia, Portogallo, Irlanda, Italia… ovunque!

L’intervento del governo si è reso necessario in quanto la maggioranza  dei mutui dei cittadini islandesi erano stati contratti in valute straniere, e a causa della svalutazione della “Corona islandese” erano divenuti insostenibili. Fatto sta che il governo di un paese che se avesse deciso di ripagare il debito come pretendevano le istituzioni sovranazionali (BCE, FMI) e i governi britannico e olandese sarebbe stato messo peggio della Grecia, ha investito il 13% del PIL per salvare le case dei propri cittadini.

Chi investe i soldi se ne deve assumere i rischi, e come i cittadini che hanno “scommesso” sulla Parmalat e molte altre aziende hanno perso i loro risparmi (anche se nel caso della Parmalat sono stati frodati, in quanto i bilanci erano falsificati) è giusto che coloro che hanno investito sulle nazioni sbagliate perdano i loro soldi. Invece no. Per salvare le banche e garantire i profitti a investitori (e speculatori) questi sono pronti a tutto…

Staff nocensura.com 
Elaborato dall’articolo di Bloomberg

Fonte: Nocensura 25 Aprile 2012

Condividi: